• Campi e laboratori antimafia

    Campi e laboratori antimafia

    Contributi per la partecipazione ai campi e laboratori antimafia
  • Dal 13 luglio al 6 agosto torna ArciFesta

    Dal 13 luglio al 6 agosto torna ArciFesta

    Dal 13 luglio al 6 agosto da giovedì a domenica tutte le sere in Piazzale Te
  • 5x1000 all'ARCI

    5x1000 all'ARCI

    Sostieni l’Arci e i suoi progetti con il 5 per mille sull’IRPEF!
Per chi non ne potesse già più dell'afa padana, Gli Scarponauti propongono a luglio due week end di trekking sulle Alpi. L'8 e 9 luglio la meta è uno dei grandi classici: le Dolomiti con i suoi favolosi panorami. L'alpe di Villandro, situato in Val Isarco, la valle che ci porta da Chiusa alla più conosciuta Val Gardena, è il secondo altopiano più esteso dell'Alto Adige: da qui si godono panorami splendidi sulle cime dolomitiche (Odle, Sella, Sassolungo per citarne qualcuna). Per informazioni e iscrizioni: 348 3170117. Dal 21 al 23 luglio ci portano invece nel parco di Tessa i laghi di Sopranes. Il Parco Naturale Gruppo di Tessa è stato istituito nel 1976 e con i suoi 33.430 ettari di superficie, è il più grande dei Parchi Naturali dell'Alto Adige. Contrariamente alle Dolomiti è un gruppo montuoso da scoprire passo dopo passo. Informazioni e iscrizioni: 339 6656136.

Il Comune di Mantova il Comune di Mantova intende favorire la partecipazione dei giovani mantovani di età compresa tra 18 e 30 anni ai campi di lavoro estivi antimafia, organizzati a cura di Arci Mantova, su beni e terreni confiscati alle mafie in tutta Italia. Il Comune di Mantova mette a disposizione un contributo di 150 euro per partecipante (tutto compreso); il numero massimo di quote rimborsabili è pari a 25 (venticinque) o, comunque, sino al raggiungimento, in ordine di arrivo delle domande, del massimo del finanziamento complessivamente assunto, pari a 3.750,00 euro. Possono presentare richiesta (utilizzando il modulo “Istanza per agevolazione alla partecipazione”) i ragazzi e ragazze residenti nel Comune di Mantova di età compresa tra i 18 (compiuti prima dell’inizio del Campo estivo scelto) e i 30 anni (compiuti o da compiere nel 2017), per i campi di lavoro estivi antimafia convenzionati, che si svolgeranno indicativamente nel periodo giugno-settembre 2017. (Se al momento della domanda il richiedente è ancora minorenne, essa dovrà essere controfirmata dai genitori). Se la quota di iscrizione al Campo estivo è inferiore a 150 euro, il Comune provvederà al rimborso soltanto dell’effettiva spesa sostenuta. L’iscrizione ai Campi è da farsi direttamente presso gli uffici di Arci Mantova (Piazza Tom Benetollo 1 - Mantova). Per informazioni e iscrizioni 0376 1500878 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.campidellalegalita.net. Il testo dell'avviso lo trovate qui mentre la domanda di rimborso (contenente l'elenco dei campi convenzionati) è disponibile qui e va inviata compilata all’e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Per i nostri sessant’anni il manifesto ha deciso di pubblicare un inserto speciale di 16 pagine che andrà in edicola il 22 giugno col giornale. L’inserto si aprirà con un articolo della presidente nazionale e, dopo un excursus sulla storia dell’Arci dalle origini a oggi, si avvarrà dei contributi di esponenti delle associazioni nate in ambito Arci e che oggi fanno parte della Federazione, oltre che di personaggi come don Ciotti, Susanna Camusso e Carlo Smuraglia. Verrà dato spazio all’importanza che hanno avuto e hanno nella costruzione della nostra identità i settori dei diritti culturali (con un articolo di Federico Amico) e dei diritti dei migranti (con un articolo di Filippo Miraglia). Il supplemento contiene anche 4 locandine storiche dell'Arci in formato poster e uno spazio verrà dedicato alle nostre foto d’epoca, spesso più efficaci, nel raccontarci, di tante parole. Non perdete dunque il manifesto del 22 e aiutateci a diffondere l’inserto, strumento non solo celebrativo ma utilissimo per far conoscere l’Arci di ieri e di oggi.

Il 20 giugno rappresenta una data che nei nostri cuori produce un’ombra: è il giorno della morte di una persona importante, speciale, determinante per la storia dell’Arci. È il giorno in cui ci ha lasciato Tom Benetollo. Ognuno di noi, tra coloro che hanno vita più antica da dirigente dell’associazione, associa a questa data ricordi personali, incontri, parole, riunioni, conversazioni con questo grande Presidente. Tom è stata una delle personalità politiche nella storia della sinistra italiana che ha saputo trasmettere stimoli culturali, suggestioni, intuizioni che ancora non sono state colte fino in fondo. Ma, oggi più che mai, occorre ricordare il segno e il protagonismo politico che alla nostra associazione venne dato dalla dirigenza di Tom. Con determinazione e con coraggio (e un po’ di solitudine) Tom impresse una svolta. L’Arci, associazione nata per occupare il tempo libero e far crescere la consapevolezza dei cittadini, fondata sulla partecipazione e su un rapporto diretto e coinvolgente coi cittadini stessi, avrebbe potuto svolgere la sua ‘missione’ originaria solo se non avesse rinunciato a far conoscere la propria opinione sulle ingiustizie del mondo, contro la guerra e l’ordine sbagliato e violento che in quegli anni si andava affermando. E per dare seguito a quella convinzione si adoperò per costruire reti internazionali, organizzando manifestazioni, diventando, e con lui l’Arci, catalizzatore e promotore di movimenti che riempirono le piazze italiane ed europee.

Mantova Jazz, uno dei più longevi festival italiani, è più vivo che mai ed ha già pronte alcuni anticipazioni del cartellone 2017, dedicato al centenario del jazz italiano. Può sembrare una provocazione, ma non lo è. Quando il primo disco di jazz, Livery Stable Blues della Original Dixieland “Jass” Band, fu pubblicato nel febbraio 1917, pochi pensavano che quella fragorosa evoluzione del ragtime potesse cambiare così radicalmente musica, arte e costume dell’ancor giovane XX secolo. Di quella band, nei due ruoli chiave di cornettista e batterista, facevano parte Nick La Rocca e Tony Sbarbaro, figli di immigrati siciliani. Il jazz nasce così (anche) italiano. Il Festival Mantova Jazz, che pure in passato non si è frequentemente occupato di jazz italiano, non poteva esimersi dal festeggiare questo tondissimo anniversario. Lo fa inserendo nella propria programmazione, quest’anno incentrata sull’idea di “relazione”, ampi spazi di riflessione sullo stato di salute del nostro jazz.

Torna il 13 luglio l’ottava edizione di ArciFesta, la manifestazione più calda dell’estate mantovana. Dodici serate di concerti gratuiti, incontri, dibattiti, eventi culturali, lotteria solidale, spazio hobbisti e un ampio stand gastronomico: una proposta davvero per tutti i gusti. Novità di quest’anno è la maggiore attenzione alla qualità dell’offerta gastronomica che, grazie alla collaborazione con il Consorzio Agrituristico Mantovano, proporrà numerosi prodotti (verdure, riso, formaggi, salumi, birre) provenienti dalle fattorie mantovane. La voglia di musica si prolunga in Piazzale Te anche la prima settimana di agosto, con la rassegna di world music realizzata in collaborazione con il Comune di Mantova. Il calendario completo dei concerti lo potete trovare sul sito www.live-arcimantova.it o sulla pagina facebook www.facebook.com/ArciFestaMantova.  

Il 20 giugno si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale del Rifugiato, l’appuntamento voluto dall’Assemblea generale dell’Onu, il cui obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica sulla condizione di milioni di rifugiati e richiedenti asilo. Arci Mantova, che aderisce al progetto Sprar "Enea", assieme ai circoli Arci Dallò, Scarponauti e Virgilio ha organizzato due appuntamenti di sensibilizzazione aperti a tutti i cittadini e cittadine. Venerdì 23 giugno l'appuntamento è alle 15.30 all'Arci Dallò di Castiglione delle Stiviere per una camminata verso la Collina di Lorenzo (località Pedercini). Ad accoglierci sarà Fausto De Stefani - alpinista di fama mondiale, che ha creato questo luogo d'incontro e riconciliazione con la natura, attraverso un percorso tematico sulla storia dell'avventura e dell'esplorazione che attraversa dolci paesaggi e tocca una serie di silenti, ma suggestive e simboliche testimonianze artistico letterarie, poste all'interno del parco. Il messaggio del luogo è di incontro con la natura e nello stesso tempo il racconto della storia dell'esplorazione/avventura rispettosa, che passa attraverso la riconciliazione e la conoscenza tra i popoli. Tematiche importanti, che hanno portato Fausto ad essere fautore di un grande progetto e centro di scolarizzazione/formazione in Nepal e che aiuta e dirige personalmente da circa 20 anni. Il rientro è previsto alle 19.30 all'Arci Dallò con aperitivo offerto dal circolo a tutti i partecipanti (per informazioni e iscrizioni: 339 6656136). Sabato 24 giugno l'appuntamento è alle 19 all'Arci Virgilio con l'apericena a buffet, video e immagini sul tema dell'accoglienza e una selezione musicale proposta dai beneficiari del progetto.

L'Arco e le Pietre

Campagna tesseramento 2016/2017

Sala Prove e Studio Registrazione

Scarica l'APP di Arci

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito