Segnaliamo questa interessante opportunità volta a stimolare la partecipazione attiva dei cittadini nella prossima programmazione teatrale di Teatro Magro e Zerobeat. Le due cooperative culturali, grazie al progetto "Pubblico Non Privato" finanziato da Fondazione Cariplo, sono alla ricerca di appassionati cittadini e cittadine che abbia tempo e voglia di partecipare al progetto a titolo volontario, assistere ad almeno 3 incontri di co-progettazione affiancando la direzione artistica, visionare almeno due spettacoli presso Festival Nazionali durante il periodo estivo, prendere parte ad almeno due incontri di formazione alla visione e selezione degli spettacoli visionati e infine collaborare attivamente alla diffusione e promozione degli eventi durante tutto il periodo di programmazione. Gli Spettatori "Mobili" co-progetteranno quindi gli eventi da realizzare presso lo spazio Home di Teatro Magro a Cittadella di Mantova e presso lo spazio Beatnik Zerobeat di San Benedetto Po (Mantova) per la prossima stagione 2017/2018. Per partecipare è necessario inviare una mail con richiesta di iscrizione all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando come oggetto della mail “candidatura Progetto PNP” entro il 30 Aprile 2017. Verrà data risposta entro il 10 Maggio e la presentazione pubblica del gruppo SPETTATORI MOBILI è prevista per il giorno 20 Maggio a San Benedetto Po. La quota di partecipazione è di 20 €. Per informazioni 339 4568098 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il 4 ottobre di ogni anno, San Francesco d'Assisi, ricorre la giornata del dono, per celebrare e incentivare i valori della solidarietà e della sussidiarietà. La giornata, istituita dallo stato italiano nel 2015, è la conferma di una crescente attenzione da parte di istituzioni pubbliche e private rivolta al mondo delle donazioni e dei donatori quali comportamenti di responsabilità sociale che si esprimono attraverso la filantropia. Donare è quindi un comportamento sociale da comprendere, monitorare e incentivare. Con questo scopo, la manifestazione conclusiva del Giorno del dono svoltasi a Roma lo scorso 30 novembre, ha presentato i risultati di due ricerche su come sta evolvendo la propensione al dono da parte dei cittadini italiani e su come il sistema dell’informazione racconta il dono. L’edizione 2016 dell’Osservatorio sui donatori italiani, curato dal Vicepresidente di Gfk Eurisko Paolo Anselmi, indaga annualmente un campione di 12mila casi rappresentativi dell’intera popolazione italiana.

Anche quest'anno i due progetti di servizio civile presentati all'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile sono stati finanziati e, a partire da metà settembre, 16 volontari hanno preso servizio al comitato e nei circoli Arci Tom, Virgilio, Papacqua, Primo Maggio, Casbah, Dallò. Il loro compito sarà quello di supportare i direttivi nell'organizzazione di attività culturali e aggregative, imparando così cosa significa partecipare attivamente e dare il proprio contributo a favore della comunità. Alcuni di loro erano già soci dei circoli e loro frequentatori, mentre altri sono giovani che si sono avvicinati all'associazione per la prima volta. Tre quarti di loro sono maschi e due su tre hanno meno di 25 anni. Volete sapere i loro nomi? Eccoli: Elisa, Saidou, Emanuele, Lorenzo, Solomon, Giada, Nicola, Bismila, Paolo, Alice, Giulia, Jacos, Alessandro, Andrea, Salvatore. A loro vanno i nostri più grandi auguri di buona crescita e buon lavoro!

In un’aula semideserta si è concluso l’iter di approvazione della riforma costituzionale. Siamo consapevoli che la seconda parte della Costituzione ha bisogno di modifiche per aiutare un processo di riavvicinamento tra i cittadini e la politica ma la necessità di una riforma non può indurre ad accettare qualsiasi proposta. Questa riforma non ci piace: c’è stata una sorta di tradimento di uno dei punti fondanti della democrazia costituzionale nel momento in cui si è voluto riformare la Carta con una iniziativa del Governo, e non del Parlamento. E non ci è parso un buon esercizio nemmeno brandire ‘mediaticamente’ la riduzione dei costi della politica come uno dei motivi principali per il superamento del bicameralismo perfetto. Ma quel che consideriamo più negativo è l’abbinamento di questa riforma a una legge elettorale come l’Italicum: tramite questo combinato, il rischio di un accentramento di poteri nelle mani del Governo diventa realtà, e si sceglie di privilegiare la cosiddetta governabilità a scapito della rappresentanza e della centralità del Parlamento. L’intero impianto insomma si fonda sull’idea di una democrazia decidente, che potrà comprimere ulteriormente la partecipazione e la volontà dei cittadini.

E’ nato il comitato nazionale delle associazioni “Vota SI per fermare le trivelle”. Lavorerà per invitare i cittadini a partecipare al referendum del 17 aprile contro le trivellazioni in mare e votare SI per abrogare la norma (introdotta con l’ultima legge di Stabilità) che permette alle attuali concessioni di estrazione e di ricerca di petrolio e gas entro le 12 miglia dalla costa di non avere più scadenze. La Legge di Stabilità 2016, infatti, pur vietando il rilascio di nuove autorizzazioni entro le 12 miglia dalla costa, rende “sine die” le licenze già rilasciate in quel perimetro di mare. Far esprimere gli italiani sulle scelte energetiche strategiche che deve compiere il nostro Paese, in ogni settore economico e sociale, è la vera posta in gioco di questo referendum.

Da molti anni Arci Mantova, la Provincia di Mantova e gli Enti Locali aderenti ad Avviso Pubblico, Libera Mantova, Cgil Mantova, Cisl Mantova, UIL Mantova si impegnano e collaborano congiuntamente nel campo della legalità, realizzando eventi, seminari di formazione, manifestazioni e campagne di sensibilizzazione nel campo della legalità, nella convinzione, dataci da esperti e magistrati, che non esista territorio non a rischio potenziale di infiltrazioni criminali, così come emerge chiaramente anche dalle vicende portate alla luce dalla stampa locale in questo ultimo periodo.

Si è svolto martedì scorso alla Camera il previsto incontro Le associazioni di promozione sociale nella prospettiva della riforma del Terzo settore. Le proposte dell’Arci.

Dall'1 al 5 ottobre 2014 Valletta Valsecchi sarà un cantiere aperto, dove cittadini e associazioni saranno protagonisti di un vero e proprio esperimento di rigenerazione urbana partecipata. Una settimana di eventi e attività che coinvolgeranno attivamente sia gli abitanti del quartiere sia i creativi locali, su quella che una volta fu la piazza del quartiere, ed ora versa in stato di quasi totale abbandono. Il tutto avverrà attraverso l’uso delle vetrine vuote come spazi espositivi, concesse in comodato d’uso temporaneo, e la rivitalizzazione della piazza tramite workshop, laboratori e attività nel corso di una settimana.

Forum Terzo Settore

Mantova Jazz

LIVE - Il portale dei circoli giovanili

Generazione Boomerang

L'Arco e le Pietre

Campagna tesseramento 2016/2017

Sala Prove e Studio Registrazione

Scarica l'APP di Arci

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito