• Campagna Tesseramento 2018/2019

    Campagna Tesseramento 2018/2019

    Più cultura meno paura: dal primo ottobre parte la campagna adesioni.
  • Bando Servizio Civile 2018

    Bando Servizio Civile 2018

    Pubblicate qui le graduatorie PROVVISORIE del bando del 20 agosto 2018. 
  • 5x1000 all'ARCI

    5x1000 all'ARCI

    Sostieni l’Arci e i suoi progetti con il 5 per mille sull’IRPEF!

Il Terzo settore ha bisogno di una buona legge che lo aiuti a crescere

Il progetto di riforma del Terzo settore sembra parcheggiato su un binario morto: da un lato i rallentamenti sono dovuti all’affollamento legislativo della commissione Affari Costituzionali; dall’altro sono causati dall’elevato numero di emendamenti presentati, col rischio che l’impianto originario del ddl venga stravolto, in peggio. Fra questi, vi è la completa riscrittura della normativa fiscale del terzo settore con l’eliminazione della figura di ente non commerciale. In pratica, la qualifica di soggetto di terzo settore, con i conseguenti benefici di legge, verrebbe attribuita non più tenendo conto delle finalità dell’ente ma solo della tipologia dell’attività svolta. In pratica, le associazioni che autofinanziano le proprie attività attraverso i servizi erogati ai propri soci verrebbero assimilate, a tutti gli effetti, a imprese profit, penalizzando di fatto (e non premiando) tutti quei i soggetti che non pesano sui contributi pubblici.

Sembra che si sia dimenticata la funzione principale del terzo settore, il suo vero valore sociale: la promozione della partecipazione, la costruzione di legami sociali, il lavoro per la coesione sociale del paese. Il terzo settore, in questi anni, non solo è riuscito a resistere alla crisi, ma aiuta i cittadini che, di questa crisi, subiscono ogni giorno gli effetti. Trasformare le associazioni in imprese non è il mezzo corretto per assicurare la trasparenza di gestione degli enti non profit (se questo è l’intento), ma bisogna invece rafforzare la democrazia e la partecipazione all’interno delle associazioni. Questa ed altre osservazioni sono state rivolte dal Forum del terzo settore ai parlamentari e ai rappresentati del governo intervenuti in una affollatissima assemblea pubblica che si è tenuta alcuni giorni fa a Roma. Ciò che funziona non deve essere radicalmente cambiato: il terzo settore ha bisogno di una legge che lo aiuti a crescere, ha bisogno di una buona legge.

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito