• Raccolta fondi per Arci Van

    Raccolta fondi per Arci Van

    Il pulmino della cultura e della solidarietà, tra festival, rassegne e assistenza alle fasce più...
  • Campagna Tesseramento 2020/2021

    Campagna Tesseramento 2020/2021

    Sempre Attiva e Resistente" 
  • 5x1000 all'ARCI

    5x1000 all'ARCI

    Sostieni l’Arci e i suoi progetti con il 5 per mille sull’IRPEF!

Una tragedia umanitaria che bisogna fermare

L’Unione Europea è sempre più lontana dai principi di democrazia, solidarietà e giustizia: il cinismo e l’egoismo sembrano caratterizzare le azioni promosse dai governi e dalle istituzioni europee. Alla tragedia che si sta compiendo sotto i nostri occhi, i governi rispondono con nuove misure di chiusura e mettendo in campo un apparato internazionale di guerra sempre più ampio. L’Europa chiede alla Turchia di fermare le decine di migliaia di persone che affollano il confine e di farsi carico di quelle che riescono a passare in cambio dei tre miliardi d’euro promessi, senza nessun cenno alla questione Kurda in questa trattativa, ai diritti umani calpestati in Turchia.

Nel mar Egeo ogni giorno muoiono decine di persone: più di 400 dall’inizio dell’anno. L’Europa chiede alla Grecia di accoglierne di più e di respingerne di più, pattugliando le acque dell’Egeo e proponendo di buttare in mare le persone per dissuaderle. All’Italia, come alla Grecia, viene chiesto di accelerare l’apertura degli hot spot, con l’obiettivo di impedire ai profughi sopravvissuti di arrivare nelle nostre città. Questa è la strategia: provare a fermarli lontani dai nostri confini, con ogni mezzo, soprattutto con l’esercito. Se riescono comunque a passare, provare a fermarli ai confini dell’UE. Respingerli indietro con strumenti di guerra: le navi e i mezzi della NATO. Quelli rimasti, decimarli con il sistema degli hot spot e provare a rimandarli in uno dei paesi cosiddetti ‘sicuri’, inseriti in una lista che i governi europei stanno cercando di rendere operativa. Della vita di queste persone in cerca di protezione l’UE non sembra voler discutere. L’Europa della solidarietà e dei diritti deve scendere in piazza. Di fronte a questo scempio non possiamo più stare a guardare

Generazione Boomerang

Mantova Jazz

Forum Terzo Settore

Campagna tesseramento Arci

Sala Prove e Studio Registrazione

Scarica l'APP di Arci

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito